Aggiornata la mappa delle vulnerabilità: paesi, borghi e abitanti in linea con la nuova pista

Mappa delle vulnerabilità

Abbiamo aggiornato la mappa delle vulnerabilità, mettendo in evidenza i principali paesi e borghi in linea con la nuova pista di Peretola.

Questi luoghi, quasi tutti nel Comune di Prato, saranno sicuramente sorvolati da tutti gli aerei in arrivo in linea con la pista. Le altezze dal suolo sono facilmente stimabili, dato che le rotte di atterraggio standard hanno un’inclinazione costante di circa 3° (ovvero circa 52,4 metri di altezza da terra per ogni chilometro di distanza dalla pista).

Si va da 6-700 metri (Casale, Galciana, Iolo, Tobbiana, Vergaio) a 300 metri (Mezzana, Santa Maria e San Giorgio a Colonica). Stendiamo un velo pietoso su Capalle (circa 225 metri), Villa Montalvo (circa 150 metri), ecc.

Secondo i dati ufficiali riportati nelle osservazioni del Comitato No Aeroporto, gli abitanti interessati sono oltre 62.000. Si prevedono decine di passaggi aerei al giorno.

E’ ragionevole aspettarsi enormi disagi causati dall’inquinamento acustico e atmosferico, per non parlare di rischi peggiori in caso di emergenze (purtroppo non così rare, come dimostra la cronaca anche di questi giorni).

E’ ragionevole aspettarsi una diminuzione del valore immobiliare di tutte le costruzioni sorvolate dagli aerei (possiedi un immobile nell’area interessata dalle nuove rotte? stiamo promuovendo una class action per chiedere il risarcimento: contattaci per informazioni!)

La mappa è interattiva: è possibile ingrandirla, ridurla, scorrerla, cambiarne lo stile, ottenere informazioni sui vari elementi, cliccandoci sopra.

Consulta anche le altre mappe interattive di Piana Sana, per renderti conto di tutti gli aspetti critici del progetto del nuovo aeroporto di Firenze. Nelle prossime settimane ne pubblicheremo altre, con le criticità dell’area su cui impatta il progetto del nuovo aeroporto e approfondimenti su aspetti specifici.

Da settembre inizieremo una campagna di informazione e mobilitazione su tutto il territorio della Piana.

Informati e diffondi seguendo Piana Sana anche su Facebook e Twitter.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone