La disinformazione di AdF

Abbiamo saputo (e pubblicato) che intorno alle 20:45 di sabato 9 agosto un aereo con il motore in avaria è dovuto atterrare in emergenza a Firenze Peretola. L’episodio, fortunatamente senza conseguenze per i punti sensibili della Piana intorno all’aeroporto, è stato riportato dalla redazione ANSA, ripreso da TGcom24 (“Motore guasto, paura per aereo”), da alcuni quotidiani online minori e dall’edizioni online della Gazzetta di Parma e de La Nazione Massa Carrara.

A quanto ci risulta, nessuno dei maggiori quotidiani della Piana ha ritenuto di dover riportare la notizia, né in cartaceo, né online: evidentemente è stata ritenuta più interessante per i lettori parmensi, massesi e carrarini (o è stata fraintesa la definizione di “mezzi di comunicazione di massa”).

Qualche giorno fa, lunedì 21 luglio, abbiamo denunciato il passaggio di un aereo a bassa quota sul centro di Prato, come riferitoci da un testimone diretto (un giovane consigliere comunale), in corrispondenza di una delle rotte stabilite da ENAC per il nuovo aeroporto di Firenze Peretola. Siamo stati tacciati di sensazionalismo e terrorismo psicologico, e “smentiti categoricamente” dalla società Aeroporto di Firenze (AdF), che, interrogata dal Comune di Prato, ha affermato:

“sarebbe folle volare a quella quota sopra una città circondata da monti, come la Calvana, altri 7-800 metri. Prato viene sorvolata dalle rotte aeree dirette verso nord da sempre, ma a quote ben superiori, di 5-10mila metri”.

Ma basta Google per smentire categoricamente AdF. Oltre all’aereo di lunedì 21 luglio:

  • sabato 12 luglio“Aereo col muso a forma di martello vola a bassa quota per due ore su Prato”;
  • domenica 10 agosto“Ore 6: sveglia per un aereo a bassa quota [su via Fra Bartolomeo]”.

Perfino ora mentre scriviamo (martedì 12 Agosto alle 19:30) riceviamo la segnalazione di un aereo a 4-500 metri sopra La Querce.

Come AdF ci insegna, secondo le attuali rotte di Peretola, questi aerei non ci sono.

Eppure ci sono: tirano gente giù dal letto, fanno tremare i vetri alle finestre, a Parma e a Carrara a volte vanno anche in avaria.

Quindi, con la massima serenità e senza terrorismo psicologico, ribadiamo più categoricamente di AdF che:

  • Prato è oggetto di inusuali sorvoli a bassa quota, ripetuti e continuati da settimane;
  • Le rotte ufficiali della nuova pista passano (tra l’altro) su Prato: centro storico, borghi, parchi, scuole, luoghi affollati e altri punti vulnerabili della Piana;
  • Il nuovo aeroporto di Firenze Peretola non è sostenibile per la Piana di Firenze, Prato e Pistoia.

Invitiamo i cittadini della Piana, in particolare l’amministrazione di Prato, a diffidare di ogni informazione diffusa da AdF.

Invitiamo i cittadini della Piana a continuare a segnalarci passaggi aerei inusuali e simili anomalie.

Invitiamo i mezzi di informazione alla massima correttezza ed etica professionale, soprattutto perché i lettori possano votare più consapevolmente alle prossime elezioni regionali.

PS: continua l’opera di disinformazione da parte di AdF. Proprio mentre pubblichiamo questo post, a Peretola evacuano un aereo per un problema. Il giornalista di Repubblica Firenze riporta:

E nessuno vuole lasciare il suo nome e cognome. “Ci hanno detto che non possiamo parlare con i giornalisti, e nemmeno fare foto”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone
  • Luca

    Dopo questo sono costretto a lasciare tutte le discussioni aperte. Ho ben capito con chi si ha a che fare.
    Per me è una fortuna avere queste persone contro l’aeroporto, rendono la vita facile a quelli a favore. Mi ridanno la speranza che mi hanno tolto i politici.
    Arrivederci e buona fortuna…che ne avete davvero bisogno.

  • Michele Linari

    Qui gli unici che fanno DISINFORMAZIONE e terrorismo psicologico siete VOI. Spero che ADF o Enac/Enav vi querelino per aver diffuso notizie false e tendenziose a turbare l’opinione pubblica…

  • Pingback: AEROPORTO DI PERETOLA, UN COMUNICATO DI “PANA SANA” | Linee Future()